Stagione teatrale

Indietro

ROSSINI OVERTURES

Dal 18 gennaio 2019 al 18 gennaio 2019 ore 21:00

Spellbound Contemporary Ballet in

ROSSINI OVERTURES

con Alice Colombo, Caterina Politi, Fabio Cavallo, Giacomo Todeschi, Giovanni La Rocca, Giuliana Mele, Maria Cossu, Mario Laterza, Serena Zaccagnini

Regia di Mauro Astolfi

Coreografie: Mauro Astolfi

Luci: Marco Policastro

Produzione: Spellbound in collaborazione con Comune di Pesaro & Amat , con il contributo del Mibact

ROSSINI OVERTURES

Rossini Ouvertures celebra la figura artistica e umana di Gioachino Rossini di cui, nel 2018, ricorreranno i 150 anni dalla morte. In questo spettacolo ho immaginato una grande parete, la parete dei ricordi di Rossini, dove nascondeva, dove archiviava il suo cibo, i suoi vini, la casa dove ospitare I suoi grandi amici e compositori, ma anche la gente comune con la quale amava scherzare, giocare e condividere tutti gli aspetti della sua vita…. questa “parete” è stata immaginata come una proiezione della sua mente, piena di sportelli, di ripiani, di nascondigli, una parete che separava un mondo dall’altro. In questo spazio si aggirava un inquilino, una figura antropomorfa, nera, una macchia che aveva assunto sembianze umane, che ormai comunicava con lui, che si insinuava nei suoi sogni, strisciava dentro il suo letto e poi spariva ma che era sempre lì, come a scandire il poco tempo, ma anche il lungo tempo passato a combattere contro disagi fisici e psichici di ogni tipo. Questa figura nera era la paura della morte, la sua malattia, ma forse anche il suo consigliere, paradossalmente in alcuni momenti l’unica certezza. Nelle sue lunghissime notti, sempre più insonni, Rossini viveva ormai in due mondi, che a momenti si avvicinavano, quasi si toccavano, e solo la sua infinita capacità di creare, la sua passione per il godimento fisico, sensoriale, per la cucina, per il sesso, riuscivano momentaneamente ad anestetizzare quello che stava accadendo nel suo corpo e nella sua mente.


Prenotazioni e informazioni

É necessario prenotarsi entro le ore 12:00 del giorno dello spettacolo
online sulla pagina dello spettacolo
oppure recandosi alla biglietteria del Teatro del Popolo il sabato dalle 09:30 alle 12:30.

Al momento della prenotazione va specificato se si è conviventi o congiunti, per i quali non occorre il distanziamento.